TAEKWONDO (leggasi TE’KUONDO’) TAE =saltare KWON = pugnoDO = arte. Arte del combattimento con pugni e calci in volo.

Stabilire una data precisa sulla nascita del TKD èsicuramente difficile. Dai reperti acquisiti si risale attorno al 1° secolo A.C. in Corea, quando il paese era diviso in tre regni: SillaBaek JeKoguryo.
Nel regno di Silla, più piccolo e continuamente minacciato dagli altri due, viene fondata una organizzazione giovanile Hwa Rang Do, composta da giovani di alto rango, il cui scopo era di prepararsi a divenire i futuri dirigenti del regno. Tra le mansioni a cui dovevano dedicarsi, un particolare riguardo era dedicato allo studio delle arti marziali codificate sotto il nome di Tae Kyong.
Attraverso l’insegnamento delle tecniche veniva contemporaneamente trasmesso un addestramento spirituale di comportamento che educava i praticanti all’obbedienzae alla fedeltà incondizionata verso i propri superiori e al paese, creando un vero e proprio codice marziale d’onore.
Da questa casta di guerrieri ha la discendenza uno dei più importanti personaggi coreani, il generale Kim YuShin che, nel 668 D.C. unificò i tre regni sui principi morali del Taek-Kyon.
Nel 935 D.C. con l’avvento della dinastia Koryo, l’arte marziale Taek-Kyon venne ulteriormente perfezionata prendendo il nome di Subak. Per avere un primo manoscritto completo raffigurante tecniche e fondamentali dell’arte marziale, dobbiamo risalire fino alla dinastia Yi nel 1397 D.C.
Le invasioni giapponesi in territorio coreano che seguirono nei periodi successivi, portarono a notevoli variazioni all’arte originale; le influenze di altre arti marziali crearono il nascere di diversi stili sino al 1955, anno in cui venne deciso di riunire tutti gli stili praticati in una unica disciplina il TAE KWON DO.
Lo sviluppo di questa disciplina verso l’esterno della Corea, nasce in questo periodo. Teatro della famosa guerra civile che divise in due la nazione; da una parte la Corea del nord che chiuse i propri confini al resto del mondo, dall’altro la Corea del sud che al contrario si aprì verso il mondo occidentale. Alcuni tra i migliori maestri della disciplina partirono verso i paesi dei continenti esterni con il chiaro intento di divulgare il TKD in tutto il mondo.
Nel 1973 il governo della Corea del Sud riconosce ufficialmente la prima organizzazione mondiale di TAEKWONDO con sede a Seoul, la W.T.F. WORLD TAEKWONDO FEDERATION, nasce il TKD moderno e si disputa il primo evento sportivo della disciplina neonata il 1° Campionato Mondiale di combattimento.
Dopo questo evento, seguiranno numerosi traguardi importantissimi per il riconoscimento di questa disciplina in tutto il mondo, dalla partecipazione a due olimpiadi (Seoul 88 – Barcellona 1992) come sport dimostrativo fino alla consacrazione definitiva di sport olimpico effettivo (Sidney 2000 e Atene 2004)

IN ITALIA breve storia:
Roma, 1965, un distinto signore coreano di nome PARK SUN JAE presenta una dimostrazione di Taekwondo esibendosi con forme, tecniche di calci in volo, rotture di tavolette e mattoni, lasciando a bocca aperta quanti avevano avuto la fortuna di assistervi.
Nasce il TKD in Italia.
Il Maestro apre la prima e storica palestra in un semiinterrato, la mitica “Cesare Rasponi”.
In seguito il M° Park chiamerà dalla Corea i suoi due fratelli: M° Park Young Ghil che si occuperà egregiamente della diffusione del TKD al sud con centro a Napoli; il M°Park Chun Ung a cui viene affidato, quattro anni più tardi, il nord Italia con sede a Bologna.
Dal 1965 al 1975 il TKD praticato in Italia sotto la guida dei M° Park, è quello I.T.F. (international Tkd federation) del Gen. Choi Hong Hi.
Nel 1975 avviene il passaggio di tutto il movimento alla W.T.F. (world tkd federation).
Dalla costituita FITKD (prima federazioneitaliana di TKD), si passa alla FIKDA “1980” (federazione italiana karate e discipline associate) per cominciare a muovere i primi passi verso un riconoscimento ufficiale da parte del CONI.
Nel 1982 la federazione cambia nome e diventa FIKTEDA (federazione italiana karate – taekwondo e discipline associate) per arrivare nel 1983 anno in cui il M° PARK SUN JAE diviene PRESIDENTE della federazione.
La convivenza tra i settori che compongono la neo federazione dura poco e nel 1985 viene fondata la FITAK (federazione italiana taekwondo e karate) a cui rimangono attaccate una parte delle società del Karate.
Si deve aspettare sino al 1995 per il definitivo riconoscimento della FITA come FEDERAZIONE ITALIANA TAEKWONDO, riconosciuta dal CONI.

IN EMILIA ROMAGNA:
1969, Castel san Pietro, in provincia di Bologna, in una piccola palestra si praticano diverse artimarziali; l’insegnante, legge su una rivista specializzata di una nuova e spettacolare disciplina coreana molto apprezzata dai cultori del settore, che si sta diffondendo nel centro-sud Italia.
E’ la scintilla che dà il via alla nascita del TAEKWONDO in Emilia.
Cominciano i contatti con la palestra Cesare Rasponi a Roma dove insegna il M° Park Sun Jae, il quale consente l’apertura dei corsi di TKD a Bologna.
1970, la palestra si trasferisce a San Lazzaro nella prima periferia di Bologna, creando il primo Centro Taekwondo bolognese.
Il centro cresce numericamente, purtroppo la distanza da Roma è tanta, e, per riuscire ad allargare il movimento occorre una figura carismatica presente sul luogo.
1972, anno importantissimo per l’impulso qualitativo del TKD in Emilia, si trasferisce da Roma a Bologna uno dei tre fratelli Park, il M° Chun Ung.
La presenza del Maestro sarà fondamentale; nel breve periodo (tre anni) in cui resterà a Bologna si formeranno le figure più importanti per la divulgazione del TKD in regione.
Tra il 1975 e 1980 apriranno i centri di Medicina; Budrio; Spartaco (BO).
Le basi sono costruite, da questi tre centri si diffonderà il TKD che tuttora è presente sul territorio.

S.S. TAEKWONDO REGIS BOLOGNA A.S.D.
Il Taekwondo arriva alla palestra Regis di via Orlandi, 3 a Bologna, nel 1994 su interessamento del proprietario del centro, Barbi Moreno, il quale conoscendomi e saputo che eravamo in cerca di una nuova sede, mi chiese di trasferire i corsi presso la sua palestra.
La storia della società ha però radici ben più lontane nel tempo.
Occorre risalire al 1981, anno in cui riaprii i corsi di TKD in uno dei centri storici di Bologna la palestra Arci Spartaco di via Giambologna.
In quella sede rimanemmo per 10 anni, fino al 1991 per poi trasferirci in una palestra privata di nuova costruzione la “ Les Arts Club” in via Rainaldi.
La permanenza presso quella sede fu breve, la società chiuse e quindi trasferii in blocco tutta la società presso il centro Regis da cui costituii l’attuale società sportiva TKD REGIS BOLOGNA.

M° Vignudini Moreno

Search

  • Categories

  • © Copyright 2017 - Taekwondo Regis Bologna
     P. IVA 02347221208